Skip to content


La sottile linea bianca. Intersezioni di razza, genere e classe nell’Italia postcoloniale

La rivista «Studi culturali» della casa editrice Il Mulino pubblica una “tavola rotonda” dal titolo La sottile linea bianca. Intersezioni di razza, genere e classe nell’Italia postcoloniale, curata da Gaia Giuliani (n. 2, agosto 2013, pp. 253-344). L’indice del numero è sul sito della rivista ma, per offrire un’idea della ricchezza dei temi trattati, incollo qui sotto l’elenco delle autrici e degli autori che hanno partecipato alla tavola rotonda, insieme al titolo del rispettivo intervento.Rivisteweb ARTICOLO 74017

«Non ci sono italiani negri». Il colore legittimo nell’Italia contemporanea
di Gaia Giuliani

Meridione del sud, Meridione dell’est. Bianchezza e meridionalità nell’Italia del dopoguerra
di Enrica Capussotti

«Il naso pestato e i capelli ricci». Il razzismo prima dei migranti
di Fulvio Pezzarossa

Il corpo, il volto, la pelle. La questione della razza nel fumetto italiano contemporaneo
di Daniele Comberiati

Quale razza? Genere, classe e colore in «timira» e «L’ottava vibrazione»
di Sonia Sabelli

Costruire la razza come mostruosità
di Simone Brioni

La linea del colore nella cultura di massa
di Tatiana Petrovich Njegosh

Siamo sempre gli albanesi di qualcun altro
di Nadia Venturini

La gestione e la produzione delle differenze: razza e razzismo nei processi lavorativi italiani
di Giorgio Grappi e Devi Sacchetto

Appunti per una ricostruzione degli studi culturali italiani sulla razza
di Gabriele Proglio

Posted in da riviste, in libreria, in rete, scritti da me.

Tagged with , , , , , , , , , , , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.