Skip to content


Identità e differenze. Introduzione agli studi delle donne e di genere

È disponibile in libreria il volume Identità e differenze. Introduzione agli studi delle donne e di genere, a cura di Maria Serena Sapegno. Di seguito la scheda dal sito dell’editore:

identitaedifferenzeIl volume fornisce una introduzione agile ed accessibile allo studio della storia del movimento delle donne, discutendo gli snodi principali che hanno attraversato gli eventi storici più importanti che si sono susseguiti dal Settecento ai giorni nostri: sono oggetto di analisi le battaglie politiche, le forme dell’associazionismo femminile, i diritti conquistati e le trasformazioni sociali e culturali. Contemporaneamente il volume presenta i percorsi di ricerca della teoria femminista, proponendo per ogni capitolo, in ordine cronologico, delle agili sezioni antologiche contenenti brani esemplificativi delle opere e delle autrici più influenti. La prospettiva è dunque duplice: tenere assieme aspetti storico-sociali e sviluppi teorici del movimento delle donne, mostrando le connessioni e gli elementi di continuità e/o conflittualità tra «storia» e «teoria», tra «società» e «ricerca accademica». La metodologia di ricerca è interdisciplinare: non separa gli ambiti disciplinari, prova piuttosto a mostrarne la continuità e le continue interferenze. Oggetto di analisi e di comparazione sono eventi, opere ed autrici operanti su scala internazionale. Tuttavia, il volume si propone di indagare con particolare cura il femminismo italiano.

un brano estratto dall’introduzione di Maria Serena Sapegno:

Questo libro nasce da un’esperienza di ricerca sugli studi di genere: un’esperienza collettiva e intergenerazionale che ha permesso una collaborazione e un ripensamento sui modi e le forme con cui si possono trasmettere il pensiero e la storia delle donne e l’evoluzione della loro presenza nella vita pubblica. Abbiamo ritenuto utile e necessario un nuovo testo di introduzione agli studi di genere: un testo introduttivo, un vero manuale che non entrasse tanto nel merito degli studi di genere in quanto tali (che arrivano a toccare praticamente tutto l’arco disciplinare) ma fornisse piuttosto quelle basi di conoscenza storica e teorica che ne costituiscono la necessaria premessa, temporale e logica, per comprendere il nuovo modo di conoscere il mondo reso possibile da tali studi.
[…]
Parliamo prevalentemente del cammino delle donne, ma per ricostruirne il senso è necessario assumere una prospettiva di genere: ciascun evento o conquista ha infatti degli effetti sulla dinamica di potere che lega in un rapporto gerarchico i due sessi, effetti che devono essere indagati per comprenderne il significato e la portata. Bisogna insomma tentare di leggere la dinamica profonda che tiene unite le diverse dimensioni della vita dove, incrociandosi anche con altre e diverse asimmetrie, i ruoli dispari assegnati a donne e uomini si incontrano e si scontrano. Un cammino dunque che ha consentito la nascita politica di un nuovo soggetto e via via la sua presa di parola sul mondo in tutti i suoi aspetti. È questo nuovo soggetto che ha definito con il proprio pensiero i confini di una nuova area disciplinare, quella appunto degli studi di genere. Ed è sulla soglia di tale area che vogliamo condurre lo/la studente/essa, avendolo/a però precedentemente provvisto/a degli strumenti essenziali per potervisi poi addentrare con successo e anche con piacere.
Il testo è il risultato di un lavoro di collaborazione tra donne: sulla base di un impianto e di una riflessione comune abbiamo voluto che i vari capitoli fossero il frutto di diverse autrici. Il risultato è una grande varietà di stili e una certa differenza di approcci, dovute in parte alle diverse personalità, età, esperienze, e in parte alle differenti specializzazioni. È un manuale che assomiglia un po’ all’area di studi che descrive: plurale e multilingue, fitto di punti di vista diversi e di passioni.

e dai profili delle autrici:

Tutte le coautrici partecipano da più o meno tempo al Laboratorio di Studi femministi Sguardi sulle differenze «Anna Rita Simeone», un seminario sperimentale di ricerca e didattica avanzata sugli studi di genere che è aperto a tutti. Attivo dal 2000 presso la Facoltà di Scienze Umanistiche di Sapienza Università di Roma, e parte del curriculum per la laurea magistrale, utilizza una metodologia innovativa accogliendo docenti e ricercatrici di tutte le discipline e, attraverso un dibattito che vede ogni volta programmaticamente la partecipazione attiva di donne di diverse generazioni, affronta i temi più vari e disparati della ricchissima produzione del pensiero delle donne in Italia e nel mondo.

Posted in in libreria, studi delle donne e di genere.

Tagged with , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.